La psicologia nelle relazioni extraconiugali

psicologia relazioni extraconiugali

La psicologia nelle relazioni extraconiugali è un aspetto che incide profondamente nelle reazioni umorali e mentali degli individui: e questo accade non solo a chi viene tradito, ma anche a chi tradisce.

È un fatto noto che le componenti psicologiche legate al tradimento possano assumere un peso preponderante nella vita di coppia, e nel rapporto fra due coniugi. Conoscerle, però, ti sarà utile per capire le eventuali reazioni del tuo partner, e le sensazioni che potresti provare.

Quando progetti un tradimento, dovrai conoscere tutti gli aspetti della psicologia nelle relazioni extraconiugali.

Aspetti che ovviamente cambiano in base al ruolo che ricopri: ricorda, infatti, che potresti essere tu a tradire, ma anche essere tradito.

E poi le suddette reazioni psicologiche pare che cambino anche in base al tuo sesso: gli uomini reagiscono in un modo, le donne in un altro. considerando l’alta percentuale di tradimenti in Italia, sapere a cosa vai incontro in entrambi i casi ti sarà particolarmente utile. Ma quali sono queste emozioni e componenti psicologiche che si creano in presenza di un tradimento?

Aspetto psicologico nei tradimenti

La psicologia è una scienza che approfondisce tutti quei meccanismi che si attivano nel cervello, quando si presentano determinate circostanze.

Le cose non cambiano nemmeno se analizziamo la psicologia dei tradimenti: in questa circostanza, l’oggetto di studio sono le reazioni emotive e mentali che si innescano nel cervello di chi è tradito e di chi tradisce. (qui trovate uno studio medico americano).

Nel primo caso quando il tradimento viene alla luce, o quando nasce il dubbio di esso.

Nel secondo caso, quando un individuo intrattiene una relazione extraconiugale rompendo le promesse del matrimonio.

Alla base della psicologia nelle relazioni extraconiugali, troviamo un iter di sviluppo: la situazione iniziale (che viene considerata come “normale”) viene scossa da questo cambiamento.

Un cambiamento che, come sempre accade, è motivato da una serie di fattori: questi potrebbero ad esempio essere i problemi sessuali, ma anche dei fraintendimenti e un calo del sentimento.

Oppure il montare di problemi che la coppia ha preferito non discutere, e che hanno finito per allontanarvi.

Questo percorso modifica nel segreto i rapporti e li rende più distaccati, fino alla rivelazione: ovvero quando un traditore viene scoperto o fa mea culpa.

Qui si giunge ad un punto di rottura: il rapporto coniugale è infatti destinato a cambiare per sempre. Anche nel caso in cui il tradito dovesse accettare di dare una seconda chance al traditore.

Le possibili tipologie di tradimento

Ogni relazione extraconiugale in realtà nasconde delle cause che portano alla nascita di diverse tipologie di tradimento.

La prima tipologia prevista dalla psicologia delle relazioni extraconiugali è l’allontanamento del conflitto: qui è chi tradisce a denotare le maggiori insoddisfazioni nel rapporto di coppia, ma evita di parlarne col coniuge.

Questo causa freddezza e il ricorso al tradimento come palliativo per ottenere da qualcun altro le soddisfazioni che il partner non riesce a dare. Affrontare i conflitti direttamente, in questo caso, è la soluzione migliore.

Il secondo tipo di tradimento è l’allontanamento dell’intimità. In questa circostanza viene a mancare la soddisfazione sessuale, dovuta soprattutto al diniego e alla chiusura del coniuge: lo sfogo che si concretizza nel tradimento, dunque, diventa prettamente fisico.

Anche la continua ricerca patologica dell’amore è una causa psicologica del tradimento.

Qui ci si trova in presenza di individui che hanno bisogno di continue attenzioni, in modo ossessivo. Attenzioni che ovviamente vengono ricercate altrove, come meccanismo di pseudo-compensazione.

È una patologia nota come “fissazione sessuale”, che include anche la necessità psicologica di conquistare persone sempre diverse. Poi ovviamente il tradimento può anche dipendere dall’assenza di amore: il partner tradisce il marito o la moglie semplicemente perché non prova sentimenti nei suoi confronti.

E dunque, di riflesso, nemmeno pentimento o sensi di colpa. Infine, con l’avanzare dell’età, alle volte capita che una persona si lanci alla ricerca di emozioni che possano dirle che è ancora giovane e piacente: in tal caso il tradimento, secondo la psicologia nelle relazioni extraconiugali, è legato ad una questione di recupero dell’autostima.

Leave a Reply